Le società sportive con Papa Francesco

Roma, Piazza San Pietro - 7 giugno 2014

« Torna indietro

La storia di Mario D'Agata: un campione speciale

Questa foto del 1955, scattata in Piazza San Pietro in occasione del decennale del Csi, riproduce una delle molteplici occasioni in cui il pugile Mario D'Agata partecipò alla vita della nostra Associazione. Oggi immeritatamente lo ricordano in pochi, ma D'Agata, nato ad Arezzo nel 1926, dove è scomparso appena 4 anni fa, negli anni Cinquanta è stato una figura di spicco del pugilato italiano. Campione italiano dei pesi gallo nel 1953 ed europeo nel 1955, divenne campione mondiale nel 1956. Non solo era il primo italiano a conquistare un titolo mondiale dopo Carnera, ma era portatore di un record mai più uguagliato: era afflitto da sordità totale. La simpatia del Csi per D'Agata era qualcosa in più della semplice ammirazione, era il "manifesto" di un vero e proprio progetto. In quegli anni l'Associazione infatti si era convinta che lo sport dovesse aprire ai disabili, o almeno ad alcune categorie di essi. Un progetto avveniristico, "profetico", che negli anni portò alla firma di convenzioni con gli Enti che rappresentavano i non udenti e i non vedenti.